Villaggio di Hammedey

I bambini di Hammedey

L'acqua innanzitutto

La cisterna per l'acqua piovana donata ad Hammedey

Ci sono periodi dell'anno, durante le piogge, che di acqua ne viene giù dal cielo in enormi quantità e poi per il resto dell'anno diventa la risorsa più rara e preziosa che si cerca. O troppo o troppo poco è una dura legge della natura in questi luoghi e purtroppo è sempre più il troppo poco a primeggiare.

Non avendo purtroppo ancora la possibilità di "costruire" l'acqua abbiamo pensato nel villaggio di Hammedey di costruire una cisterna per la raccolta dell'acqua piovana che possa conservare un pò più a lungo il dono del cielo ed alleviare così i mesi di carenza.

... e poi una scuola

Tra i Millennium Goals dell'ONU c'è giustamente quello dell'educazione per bambine e bambini. E' la base da cui partire per sperare di poter dare a queste popolazioni un futuro sostenibile. E l'edificio scolastico è più di un riparo per gli studenti. E' un vero simbolo verso cui i ragazzi tendono nella speranza di poter avere un futuro migliore. E' il punto di partenza di tanti buoni comportamenti che tramite i ragazzi possono arrivare al resto della popolazione.

Per questo siamo stati felici di regalare ad Hammedey una scuola elementare per 320 bambini e gli alloggi per gli insegnanti. Perchè per noi non erano soltanto pareti e un tetto, ma un passo verso la ricostruzione di questo paese che ormai tutte le ONG sono state costrette ufficialmente ad abbandonare.

la scuola donata ad Hammedey
il dott. Giancarlo Podini e sua moglie Isabella in visita alla scuola
i bambini a lezione